IL GAS NATURALE A SUSSIDIO DELLE RINNOVABILI

IL GAS NATURALE A SUSSIDIO DELLE RINNOVABILI

Camorino, 20 maggio 2014

L’evoluzione tecnologica dettata dalla forte richiesta

Lo scorso 8 maggio Metanord ha organizzato una trasferta professionale a Zurigo, presso la sede centrale della Società Svizzera dell’Industria del Gas e delle Acque (SSIGA/SVGW), per conoscere gli ultimi ritrovati tecnici, in particolare bruciatori e caldaie. La quarantina d’importanti ospiti, professionisti, progettisti, impiantisti e politici, ha potuto rendersi conto di quanto stia evolvendo la tecnica riferita al vettore gas naturale. I ricercatori e gli ingegneri relatori hanno messo in relazione questo eccezionale progresso tecnologico con il forte aumento della richiesta a livello svizzero. Dai bruciatori tradizionali, sempre più piccoli, sicuri ed economici, ai nuovissimi abbinamenti con l’energia solare. Macchine minute ma con prestazioni eccezionali, concepite e già vendute per i grandi volumi, ma anche per case unifamiliari. Ed è stata proprio questa, a detta dei partecipanti, la sorpresa della giornata, da tutti molto apprezzata. L’abbinamento gas naturale/energia solare può portare all’ottimale sfruttamento di questa energia rinnovabile, ma con il supporto sicuro del gas naturale nei momenti meteorologici negativi e mutevoli.
Nuove strategie, pensate da tempo, ma tecnicamente assai complesse da realizzare, che possono portare anche alla produzione di energia elettrica (cogenerazione) sufficiente per usi diversi, quindi ulteriori risparmi e invidiabile indipendenza da fornitori esterni.
Metanord ha invitato i tecnici di Zurigo – Schwerzenbach in Ticino per una presentazione di questi impianti che potrebbero certo contribuire, anche da noi, a diminuire l’inquinamento, per di più ottenendo risparmi finanziari.
Anche le termopompe a gas di nuova concezione potranno essere considerate maggiormente dagli enti pubblici, in particolare dai Comuni, per i loro edifici, come pare già avvenga copiosamente oltre Gottardo.
Una grande attenzione è infine stata riservata alla sicurezza. Il gas naturale (metano), diversamente dalle bombole GPL, ha il pregio di volatilizzarsi in quanto più leggero dell’aria e quindi praticamente di quasi azzerare i rischi. D’altra parte la statistica nazionale è eloquente: rarissimi i casi di incidenti e senza conseguenze.
Metanord, assieme alle altre aziende distributrici (AIL Lugano, AGE Chiasso, AIM Mendrisio e AMS Stabio) collabora da mesi nel contesto del “Pool gas Ticino”, con lo scopo di promuovere congiuntamente la formazione professionale e le strategie di vendita, senza evidentemente omettere di tenere contatti costanti con Zurigo e con Milano per quanto concerne la sorprendente l’evoluzione tecnologica.

Edo Bobbià
Direttore Metanord

Liberatv

Ticinonews